Ma il feng shui funziona davvero?

7 Mag, 2020 | Feng shui

Arredare feng shui; arredo feng shui
Tempo di lettura: 4 minuti

Quando qualcuno mi sente dire che mi occupo di Feng Shui in genere ha delle reazioni molto differenti.
C’è chi chiede incuriosito se si tratta di quella cosa che dice come deve essere messo il letto.
Altri rispondono eh mi piacerebbe l’idea, ma non posso mica permettermi di rifare tutto l’arredamento. Infine c’è chi dice che a queste cose non credo perché monetine e cristalli non possono cambiare la vita”.

Bene, allora se sei una di quelle persone che pensa che il feng shui sia quella disciplina che ti dice dove mettere monetine, cristalli e piante per stravolgerti la vita, ti tolgo dall’imbarazzo di chiedere e ti invito a smettere di leggere. Ti posso confermare che il feng shui non ti cambia la vita con il semplice utilizzo di cristalli, monetine, specchietti, ba gua o altri oggettini particolari da comprare e posizionare in determinati spazi di casa.

E si il feng shui è quella disciplina che ti dice come posizionare il letto per dormire meglio, e si in genere con la testa a Nord, ma non necessariamente e solo se sono rispettate altre condizioni. Però di questo argomento parlerò in un altro articolo.

Detto questo posso dirti che il feng shui non funziona:

IL FENG SHUI È, perchè legge ciò che già c’è nella realtà.

Decodifica le informazioni che il nostro corpo e il nostro cervello già leggono e utilizzano in maniera inconscia. Quindi riuscendo a capire ciò che il costruito ci racconta, è possibile farlo agire a nostro vantaggio.

Si, ma come?

Basandosi su letture di differenti caratteristiche dello spazio, fatte in sequenza, che messe insieme, come una sopra l’altra e poi integrate l’una nell’altra, permettono a chi conosce e studia questa disciplina, di capire come intervenire e agire sulla vita delle persone.

Su cosa si basa?

Su 3 elementi fondamentali:

1 – La COMUNICAZIONE:

tutto è comunicazione, tutta la nostra vita è basata sulla comunicazione

La comunicazione quotidiana tra persone si sviluppa su 3 livelli. Il primo è quello verbale: costituito dalle parole che usiamo quando parliamo o scriviamo, e normalmente è anche il livello di cui siamo più consapevoli, quello che curiamo con maggiore attenzione
Il secondo livello è quello paraverbale, ovvero il modo in cui diciamo qualcosa. Nella comunicazione orale, gli indicatori sono il tono, la velocità, il timbro e il volume della voce. In caso di comunicazione scritta, abbiamo ad esempio la punteggiatura e la lunghezza dei periodi, elementi che conferiscono al testo ritmo e velocità. Rispetto al primo livello, siamo meno consapevoli di questi aspetti. Se, infatti, è normale preparare un discorso o scegliere alcune parole al posto di altre, è meno usuale decidere il tono di voce o il timbro.
Il terzo livello riguarda il non verbale, ovvero tutto quello che si trasmette attraverso la propria postura, i propri movimenti, la posizione occupata nello spazio rispetto all’interlocutore, ma anche il proprio modo di vestire. Spesso, soprattutto in questo caso, non sempre siamo consapevoli di quanto questi elementi rivelino qualcosa di noi e, viceversa, di quanto sia importante saperli leggere per comprendere meglio chi ci è di fronte. Questo livello è quello che nei rapporti con le persone influenza maggiormente la comunicazione, anche se spesso non ne abbiamo idea.
Quest’ultimo livello è quello con il quale normalmente il costruito, la nostra casa, tutto ciò che la circonda e quello che troviamo sulla strada per raggiungerla ci inviano delle informazioni.

2 – Il NOSTRO CERVELLO E LA NOSTRA PSICHE

riproducono il rapporto del nostro corpo con l’ambiente

Questo significa che inconsciamente interpretiamo tutto ciò che ci circonda esattamente come si rapporta il nostro corpo con l’ambiente: considerando un fronte (tutta la nostra parte davanti), un retro (le nostre spalle), una parte femminile (collegata all’emisfero destro del nostro cervello) e una parte maschile (collegata all’emisfero sinistro del nostro cervello).

Allo stesso modo il nostro inconscio riesce ad interpretare come i vari spazi abbiano e trasmettano delle informazioni differenti a seconda di come si rapportano con l’esterno e rispetto a quanta luce del sole ricevono. Quante finestre ci sono? Cosa vedo quando guardo fuori? Le finestre danno su un cortile chiuso e buio o su un bel giardino alberato? Sono rivolte a sud e ricevono sole tutto il giorno o sono rivolte a nord e sole non lo vedono mai?

3 – ISTINTO e SOPRAVVIVENZA

Nonostante viviamo in case solide che ci proteggono da freddo, intemperie e con ogni tipo di comfort, abbiamo una conformazione, delle esigenze e degli istinti che non sono molto diversi da quelli dei nostri progenitori che vivevano nella savana. Biologicamente siamo mammiferi non predatori. Siamo quindi portati costantemente a verificare che gli spazi che ci circondano ci tengano al sicuro e ci offrano possibilità di nutrimento.

Se provi a ricordare, entrando in una stanza di una nuova casa sicuramente almeno una volta avrai pensato: cavoli questo mobile vorrei metterlo lì, ma ciò non è stato possibile perché la presa era in un certo punto. Oppure qui assolutamente non ci voglio dormire e tutt’ora non sai spiegarti perché: ecco questo era il tuo istinto che bussava alla tua attenzione.

Credo che ora ti sia chiaro che, partendo da questi elementi, la migliore soluzione di una casa per una persona o una famiglia prescinde la tipologia dell’arredo che già c’è.
Ovviamente discorso a parte va fatto per alcuni pezzi o elementi particolari e molto “importanti”.
Gli elementi fondamentali sono dati da tutto quello che si vede o si potrebbe vedere all’esterno, la disposizione della casa rispetto a ciò che la circonda, la quantità e la qualità della luce che riceve da ogni finestra, la disposizione dell’arredo al suo interno, la quantità di oggetti, i colori presenti in ogni stanza, i percorsi che si fanno ogni giorno dentro e fuori l’abitazione.

Ecco in che modo il feng shui è.

Dopo la lettura dello spazio permette, a chi sa come intervenire, di proporre una nuova disposizione per ottenere una comunicazione differente tra casa e abitante e quindi dei cambiamenti di vita.
Permette tramite delle modifiche di vedere e vedersi nella vita in maniera differente.

Vuoi sapere cosa posso fare per te con il Feng Shui?

Vieni a scoprire come posso migliorare la relazione nella tua famiglia con un metodo specifico e approfondito di consulenza feng shui

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest

Share This